Ci sono dei tempi di attesa a causa dell'elevato numero di domande. Vi preghiamo di visionare la nostra pagina sulle Consegne per ulteriori informazioni.

Un animale nobile, dalle origini antichissime

I polli discendono dai dinosauri (e forse – se andiamo abbastanza indietro nel tempo - dalla stessa sorgente primordiale da cui emerse il genere umano), ma il primo esemplare che noi tutti potremmo identificare come tale probabilmente apparve intono al 5000 a.C.

Questo pollo primordiale girovagava alle pendici dell’Himalaya e un po’ ovunque nel sud e sudovest asiatico. Conosciuto come Gallus Gallus, era dotato di becco robusto e artigli affilati, dunque perfettamente in grado di badare a sé stesso. Fra il 3000 e il 2000 a.C comparve il Gallus Domesticus. All’epoca, i polli venivano allevati solo per compiere sacrifici religiosi, per i combattimenti fra galli e per una forma primordiale di orologio; è interessante notare come, di questi tre utilizzi, l’ultimo sia ancora presente ai nostri giorni.

Le immagini sulla destra mostrano due campioni. Il primo era conosciuto come Black Breasted Red Tailed Champion (il campione dalla coda rossa e il petto nero), in grado di fare 3 vittime in 2 minuti! Il secondo era noto come The Bone Crusher (spaccaossa), e fortunatamente questi due esemplari non si affrontarono mai in un combattimento!

Comunque, non passò molto tempo prima che i polli si diffondessero capillarmente, per iniziare a comparire un po’ ovunque. Dall’America al Giappone, i polli divennero decisamente alla moda. Il merito di avere avviato la produzione di massa di polli e uova ad uso alimentare spetta probabilmente agli intraprendenti egiziani. Essi, infatti, avevano bisogno di molte persone con grandi energie per la costruzione delle loro piramidi e le uova rappresentavano l’alimento perfetto! Date uno sguardo alla relativa sezione, per scoprire tutto sui valori nutrizionali di un uovo!

Molte divinità greche pretendevano sacrifici ai polli. Questi animali erano sacri ad Atena, dea della saggezza e della guerra; erano simbolo della fertilità per Persefone, dell’amore e del desiderio per Eros e del commercio e della produttività per Ermete. Grazie al loro rapporto con le divinità, i polli non venivano mangiati dai Greci, anche se questi avevano un debole per le uova.

Durante l’Impero Romano, gli europei iniziarono ad allevare i polli per nutrirsi delle loro carni e delle uova, ma fu soltanto in epoca vittoriana, verso la metà del diciannovesimo secolo, che comparvero gli allevamenti fini a sé stessi, grazie alla passione della Regina Vittoria nei confronti di questi animali. I vittoriani persero la testa per i polli: organizzarono club, gare, mostre e arrivarono a pagare centinaia di sterline per gli esemplari più belli venduti all’asta. Nel 1849 la Regina Vittoria abolì i combattimenti di galli. Cliccate su Razze per scoprire quali di questi animali erano allevati dalla stessa Regina.

Gli ultimi venti anni hanno visto molti cambiamenti nel sistema della produzione alimentare. Purtroppo, è prevalsa la filosofia del “più per meno”, che si è tradotta spesso in una caduta degli standard dal punto di vista del benessere degli animali. Tuttavia, sono sempre più coloro che iniziano a interessarsi alle origini etiche del cibo di cui si nutrono. Acquistare carni biologiche o uova di fattoria è un ottimo inizio, ma ancora meglio è andare oltre e allevarsi le proprie galline!

Prodotti collegati

Le immagini dei clienti

Commenti Leave a comment

There are no comments just yet